il blog è trascurato, ma non è l’unica cosa.
casa nostra è incasinata come non mai. è come se inconsciamente, sapendo che dovremo andarcene, sistemassimo le cose in modo precario appositamente: ogni superficie è colma di qualsiasi cosa: giacche, libri, scatole… e mancano ancora 4 mesi al trasloco.
la verità è che questo luglio ci sta logorando.
la morosa pazza è in un trip di attori bravissimi che le sono praticamente piovuti addosso con delle coincidenze pazzesche per l’allestimento di uno spettacolo che la sta travolgendo e io sono assorbito letteralmente tra la casa (nuova) e il lavoro (vecchio).
nell’ultimo mese la spirale di nerditudine che mi avvolge è aumentata del 200%, però ora il javascript è mio amico (un po’ più che un amico, diciamo che un paio di volte abbiamo limonato duro senza impegno, per capirci).
per fortuna a giorni si parte e si molla tutto. sono letteralmente cotto.

nel frattempo sto facendo la lista della spesa libraria per le ferie.
More about Le terrificanti storie di zio MontagueMore about Vish Puri e il caso dell'uomo che morì ridendoMore about Il quinto giorno
to be continued…