La ricerca del bello
Scritto

All'inizio del 2021 ho provato un'attrazione inaspettata per la poesia.

Non so bene per quale ragione, ma il primo paio di giorni dell'anno mi ero mezzo messo in testa di trovare una poesia al giorno che mi colpisse. Il buon proposito si è spento abbastanza in fretta, ma è rimasta la sensazione di necessità 1 .

La prima poesia scoperta che mi ha dato una sorta di scossa è stata una creazione di Aram Saroyan degli anni '60:

lighght

Yes, that’s the whole poem. I know, it seems asinine. When I wrote it on the board and asked my students to examine it, one said, “How do you even read it aloud?” When we tried, we began to understand the intent of the poem. The word “light” seems to be implied, but what’s with the apparent typo? After a long silence, another student said, “That’s the point—in the ordinary word ‘light’ we don’t pronounce the ‘gh’—the ‘gh’ is silent, and the double ‘gh’ makes us realize that even more.” The poem calls attention to the system of language itself—the stuff of letters in combination—and the relationship between sound and sense. The familiar—a plain word such as “light”—has been made new if only for a brief moment. In Saroyan’s own words: “[T]he crux of the poem is to try and make the ineffable, which is light—which we only know about because it illuminates something else — into a thing.” via

1. a cui sto cercando di rispondere leggendo antologie di poesia contemporanea, ma non ho ancora trovato altro che mi abbia spettinato come la poesia riportata nel post.