Reverse Lassie

Scritto

Questa settimana è stata pesantina.

Non ho voglia di raccontare, ma mi son trovato a processare la morte della micia prima che succeda. Straziante.

Ora però posso passare le sue ultime settimane con noi coccolandola al punto da farmi odiare – in quanto felina. Sostanzialmente mettendo in atto il quello che definirò "Reverse Lassie".

Ricordo vagamente un episodio dell'omonimo telefilm in cui la cagnetta viene accusata ingiustamente di una nefandezza e il suo padroncino, per salvarla, deve lasciarla sola nel bosco per trovare il tempo di dimostrare la sua innocenza. Lei non ne vuole sapere e quindi il ragazzino ricorre al trattarla male, dicendole che non le ha mai voluto bene e che non la vuole più con se. Il cane se ne va letteralmente con la coda tra le gambe e il bimbetto piagne come se non ci fosse domani, pur sapendo che era necessario for a greater good.

Il Reverse Lassie, che ribadisco funziona solo coi felini, consiste nello stargli vicino, coccolarli, farveli dormire addosso, insomma esserci sempre e costantemente finchè non ne possono più e piuttosto che liberarsi di vuoi, si lasciano morire, ma serenamente e per scelta consapevole, invece che tra le sofferenze della malattia.

Va tutto molto bene.